Cosa visitare in Toscana: i nostri consigli per scegliere il Chianti Classico



La Toscana non necessita di presentazioni: il suo fascino è universalmente famoso.

Nel 2016, infatti, la Toscana si conferma la meta preferita dagli Italiani e la seconda regione scelta dai turisti di tutto il Mondo.

Ma perché visitare la Toscana è un’esperienza unica, da inserire nella propria lista di cose da fare almeno una volta nella vita? Le risposte sono molteplici: basti pensare alla ricchezza storica, artistica, culturale ed enogastronomica della regione.

In Toscana il diario di viaggio è affollatissimo di opzioni interessanti: ci sono una moltitudine di cose da vedere e da fare, nonché una lunga lista di posti belli da visitare.

La scelta di cosa visitare in Toscana non è quindi delle più semplici: città d’arte o borghi medievali? Mare o campagna? Piazze, monumenti, musei e chiese, o bellezze e tesori naturali?

Non sarebbe splendido sintetizzare (quasi) tutte queste alternative in un unico itinerario della Toscana? Visitare il Chianti e nello specifico il Chianti Classico può essere la soluzione ideale per riuscire nell’impresa.

Ecco i nostri consigli su cosa vedere nel Chianti Classico: idee e suggerimenti che rispondono alle più classiche richieste di vacanza in Toscana.

Cosa visitare in Toscana in 1 giorno? I borghi medievali del Chianti storico.

Visitare la Toscana in 1 giorno è un’impresa infattibile. Non impossibile invece è visitare i piccoli borghi toscani che si trovano nel Chianti Classico. In un’unica giornata si potranno ammirare Radda in Chianti, Castellina in Chianti e Gaiole in Chianti, borghi che storicamente costituivano la Lega del Chianti, alleanza politico-militare creata dalla Repubblica di Firenze nel XIV secolo e rimasta in vigore fino al 1774.

In ognuno di questi antichi borghi si respira un’atmosfera quasi magica: la vita scorre serena e rilassata come nelle migliori rappresentazioni del Chianti.
Non mancano al contempo le cose da vedere, così come i ristoranti e gli agriturismi dove assaggiare le specialità enogastronomiche locali.

Cosa visitare in Toscana in 3 giorni? I castelli e le migliori cantine del Chianti

3 giorni per visitare la Toscana sono sufficienti per scoprire qualcuno dei piccoli e grandi tesori della regione. Con 3 giorni a disposizione si può pianificare un dettagliato tour del Chianti Classico (considerando che la zona si estende per circa 70.000 ettari tra Firenze e Siena).

Il nostro suggerimento per un articolato itinerario del Chianti Classico in 3 giorni è:

Giorno 1: visita ai borghi medievali della zona
Giorno 2: visita ai castelli del Chianti
Giorno 3: visita alle migliori cantine del Chianti

Non tutti sanno che la zona del Chianti è ricca di Castelli e antichi manieri ancora visitabili. Per renderli noti ad un pubblico più vasto, il comune di Greve in Chianti ha realizzato la “Strada dei Castelli del Chianti”: un progetto di valorizzazione del territorio con sei itinerari differenti che permettono di scoprire questo meraviglioso patrimonio architettonico.

Nello specifico, l’Itinerario Blu parte a San Giusto a Rentennano (alle Monache) e comprende le tappe di Lucignano, La Torricella fino ad arrivare al nostro Castello di Brolio.

Oltre alla visita dei castelli, l’attività a cui non rinunciare in Chianti Classico è quella di un wine tour: si potranno degustare i prestigiosi vini del territorio e scoprire le cantine che li realizzano. Alcune delle migliori e più importanti cantine del Chianti Classico, nonché d’Italia si trovano proprio in questa zona.

Cosa visitare in Toscana con i bambini? Il territorio e le colline del Chianti.

Questo territorio è ricco di spunti e suggestioni unici. Visitare il Chianti è mettersi in viaggio alla scoperta di un territorio e di uno stile di vita rimasti pressoché immutati negli anni.

Questa filosofia fa sì che il Chianti Classico sia un luogo ideale per un viaggio con i bambini i quali potranno sperimentare i benefici del contatto con la natura e il senso dell’avventura e della scoperta.

Infatti grazie a borghi dove la vita scorre con calma e lentezza, castelli suggestivi, parchi (come il Parco Sculture del Chianti o il Bosco inglese che circonda il Castello di Brolio) e tantissimi spazi e aree verdi, i bambini potranno giocare e correre, stimolando i sensi, la fantasia e la creatività.

Una vacanza a misura di bambino, nella quale le famiglie non dovranno rinunciare a nessuna attività, nemmeno ai tour enogastronomici: quasi tutti i nostri tour, ad esempio, sono accessibili ai bambini e gratuiti fino a 12 anni.

Cosa visitare in Toscana quando piove? Siena e i suoi palazzi.

Nonostante il paesaggio del Chianti sia affascinante anche in un’uggiosa giornata di pioggia, gli appassionati di natura e passeggiate all’aria aperta potranno optare per una visita a Siena, capoluogo di una delle province più affascinanti d’Italia e rinomata località turistica della Toscana.